giovedì 6 aprile 2017

L'UNGUENTO


Il Mago dice che:


L'unguento è un medicamento in cui la sostanza medicinale viene incorporata in un miscuglio untuoso , a base di grassi .
Possiamo  ricordare il famoso unguento di cui si spalmavano le membra le streghe, acquisendo così la capacita di volare per recarsi al sabba.


L'UNGUENTO DELLE STREGHE


In quasi tutti i paesi si narra  che le streghe adoperassero uno o più unguenti magici per volare al sabba o prima di compiere magie e sortilegi. Alcune ricette ci sono state tramandate da fonti storiche riconosciute, altre rimangono  nel ricordo della tradizione popolare.
Di questi, la preparazione di certi unguenti risulta complicata in un contesto moderno e, spesso ,  anche molto ripugnate.  Uno dei più semplici , è l’unguento alla menta.

  • Preparazione:Per prepararlo bisogna macerare a lungo, cambiandole di tanto in tanto, foglie fresche di menta in grasso, olio o cera d’api. Abbondate con le foglie, perché maggiore è l’intensità, migliori sono i risultati.
  • Uso:Questo “unguento delle streghe” bisogna spalmarlo  sulla pelle prima di compiere una magia o un cerimoniale e si può usare anche per ungere candele, amuleti e può essere inserito nei sacchettini magici.
  • Virtù: Anzitutto non tutti sanno che la menta è, secondo l’usanza popolare un sostituto per la verbena (sotto molti aspetti) –un’erba considerata magica e fondamentale; una sorta di sorella invernale e più “notturna”. L’unguento ha la funzione primaria di amplificare i poteri psichici, potenziare il corpo astrale e proteggere da spiriti ed energie indesiderate. L’odore della menta attrae gli spiriti “benevoli”, favorisce la proiezione del pensiero, i viaggi in astrale (il volo delle streghe!), la chiaroveggenza. Attira e provoca sentimenti d’amore-desiderio, entrate di denaro, migliora la fortuna. Ha efficacissimo potere curativo. Buono per la meditazione. Difende dal malocchio e da lievi colpi di ritorno magici.

LA LEGGENDA DELL'UNGUENTO MIRACOLOSO 


C'era una volta una giovane mamma, che viveva con il suo bambino in una casa sulle colline.
Un giorno stava cullando il suo piccolo e gli stava preparando il latte, quando sentì bussare.
Alla porta c'era una splendida dama, anche lei con un bimbo piccolo in braccio.

-Sono in viaggio da tanto tempo...prepara qualcosa da mangiare per me e il mio bambino!- disse la donna.
La mamma capì che quella dama era una fata, e per questo motivo la trattò con tutti gli onori.

Alla fine del pranzo, la dama disse:
- Voglio darti una ricompensa: con questo unguento che ti dono, potrai far guarire persone ed animali e diventare ricca.-

Per diverso tempo la mamma umana poté usufruire dei suoi poteri: ma molta gente del villaggio vicino cominciò ad essere gelosa e a tramare contro lei e il suo bambino.

La mamma chiese allora l'aiuto della fata, che le portò via l'unguento:

-Purtroppo la tua gente non può apprezzare un simile dono!- sospirò la creatura magica. 

La mamma ritornò una donna normale ma lei e suo figlio non dimenticarono mai l'amicizia che li legava al mondo delle fate, e ad ogni luna piena, si ricordarono sempre di lasciare fuori dalla casa cibo e latte per i loro amici del Popolo Fatato.