sabato 23 luglio 2011

IL DE'JA' VU



-->

-->





Pubblicita e affiliazione per micro-sponsorizzazione


Il Mago dice che:
Tutti almeno una volta nella vita hanno avuto una manifestazione di Dèjà vu l'impressione di aver già vissuto una certa esperienza quando si assiste per la prima volta ad una scena o se si entra in contatto con un certo ambiente .
Il termine Dèjà vu fu creato dallo psicologo francese Emile Boirac , nel suo libro intitolato " Il futuro delle scienze psichiche ".
Nelle scienze occulte questo fenomeno si chiama paramnesia ( dal greco para ovvero vicino e mnesis ovvero ricordo .. quindi  ricordo che rimane a lato di quello normale).
Nei casi più semplici si tratte di semplici ricordi che erano stati dimenticati , e che ritornano alla mente  per via di un certo stimolo al quale essi sono affini o analoghi.
Esiste anche una casistica che non è possibile spiegare in modo cosi riduttivo : ad esempio quando il soggetto che " ricorda " riesce a descrivere un ambiente in cui non è mai stato , e riesce anche a descriverne le parti non ancora viste, oppure come nei casi in cui al ricordo del luogo si aggiungono ricordi di persone che gli dovrebbero essere ignoti e che invece si rivelano esatti.





TRA OCCULTISMO E SCIENZA
E' importante distinguere la semplice esperienza di impressione di ricordo dalla vera e propria pre-cognizione di ambienti e persone mai visti prima.
Il primo tipo di fenomeni può essere spiegato tramite la psicologia come raffioramento di satati d'animo , oppure si può seguire la teoria di Henri Bergson la quale dice che ogni percezione porta con se un ricordo che staccandosi dalla stessa si imprime nella memoria : se questo distacco non avviene la percezione si presenterà al soggetto sotto forma di ricordo.
Sigmund Freud ipotizzo che ogni luogo ricorda alla persona umana il grembo materno e se il soggetto si rende conto di questo significato simboliho, ha l'impressione di esserci gia stato.
Per quanto riguarda il fatto preconoscitivo la questione è molto diversa : si tratta probabilmente di manifestazioni paranormali di chiarovveggenza o psicopia ( fenomeno per il quale un soggetto a contatto con un altro soggetto, anche se coperto , è in grado di descriverlo e di narrarne  la storia .
Si può anche supporre di una esperienza di chiaroveggenza viaggiante rimasta latente e che è raffiorata al momento in cui si entra in contatto con l'ambiente visitato attraverso la chiaroveggenza.
Un'altra ipotesi è suggerita dai sostenitori della reincarnazione , i quali sostengono che non  si tratti nent'altro che del ricordo di luoghi già visitati in una vita precedente....



FENOMENI CORRELATI
 AL DE'JA' VU
  • Dèja vecu: la sensazione di aver gia vissuto un'esperienza.
  • Jamai vu: il non ricordare di aver visto qualcosa prima , la persona sa che è successo prima , ma non le è familiare.
  • Presque vu : il ricordare quasi , ma non del tutto, qualcosa. E' la senzazione del ce l'ho sulla punta della lingua.
  • Dèjà visitè : la strana conoscenza di un posto nuovo , qui uno potrebbe sapere anche la strada da percorrere in una nuova citta o in un nuovo ambiente sapendo che questo non può  essere possibile .
  • Dèjà epouvrè: già provato a fare .
  • L'esprit de l'escalier : il ricordare qualcosa quando è troppo tardi , ad esempio una risposta intelligente  ad un commento.























Ricerca personalizzata












Condividi








Protected by Copyscape Duplicate Content Tool

-->




Ricerca personalizzata














Condividi








Protected by Copyscape Duplicate Content Tool

-->