mercoledì 29 aprile 2015

LA FICOMANZIA


Il Mago dice che:


La ficomanzia era molto diffusa in Grecia e nel mondo semitico, dove è possibile trovarla anche al giorno d'oggi .
Si basa sull'osservazione delle foglie di fico.
Per conoscere il futuro riguardo ad un particolare evento , si staccano alcune foglie di fico , sulle quali si scrivono vari  possibili responsi , ( ad esempio : si, no, puo succedere , tra un mese , tra un anno ecc.) spetta a voi cercare di capire i possibili risvolti dell'evento sul quale volete conoscere il futuro.
Poi si pongono sotto al letto, l'ultima foglia che si secca dà il responso.















venerdì 17 aprile 2015

IL FILO DI COTONE


Il Mago dice che:



  • Quando un filo di cotone rimane attaccato ai vestiti, c'è qualcuno che ci pensa . Se è bianco o di colore chiaro la persona in questione è bionda , se invece è scuro , è moro di capelli.
  • Se si attacca ad una manica è una notizia importante in arrivo .
  • Se si attacca al colletto è una notizia che riguarda la salute.
  • Se si attacca al davanti del vestito, sn in arrivo notizie di cuore.
  • Se si attacca ai pantaloni o alla gonna bisogna stare attenti alla salute.
Quando si cuce bisogna fare attenzione :
  • Se il filo si annoda o i nodi si sciolgono, sono cattivi pensieri di qualcuno che ci vuole male .
  • Se il filo si attorciglia e il filo forma dei nodi , significa che ci sono problemi in casa, liti e discussioni con il partner.
  • Se il filo si spezza mentre si sta cucendo è un tradimento. 












giovedì 16 aprile 2015

LE FORMICHE


Il Mago dice che:


La formica ( dal  latino formicula da cui la tecnica divinatoria chiamata formicolamanzia ) da sempre , è il simbolo della vita organizzata , della previdenza e della laboriosità .
Nel mondo contadino ,la formica, è stata  attentamente osservata , al fine di trarne auspici per il futuro.

Ad esempio: 
  • un formicaio sulla soglia di casa è segno di vita ricca, e se lo si distrugge ci si tira addosso la sfortuna e la disgrazia.
  • Se si trova una formica nel barattolo dello zucchero non bisogna ucciderla perchè porta buone  notizie.
  • Un formicaio nel granaio o in cantina , è segno di matrimonio felice e di vita prospera.
  • Se i formicai sono molto attivi, è in arrivo il mal tempo.
  • Sciacciare le formiche porta la pioggia
  • E' segno di fortuna se ci si trova addosso una formica.











domenica 12 aprile 2015

L'ORACOLO DEL VENTO


Il Mago dice che:


Chi di voi no ha mai soffiato un soffione? dite la verità... il soffione è il fiore di tarassacco  , una pianta infestante , ma che ha buone virtù alimentari e medicinali.

Le sue infruttescenze , i " soffioni " appunto , sono delicatissime sfere piumose, composte da decine di frutti dal caratteristico pappo ( un ciuffo di peli bianchi che hanno origine dal calice, che agevola la dispersione dei semi tramite il vento.
Da bambino anche io andavo nei prati a cercarli per poterli soffiare con tutto il fiato che avevo, e mi divertivo a vedere i semi che volavano via nell'aria.
Si sapeva che , i semi una volta volati via , avrebbero dato vita ad una nuova piantina con un altro soffione.
Ecco perchè fin dai tempi antichi , quando non esistevano le previsioni meteo, per predire che tempo faceva , si soffiavano i soffioni .
Volete provare ?

ECCO COME SI FA:

Le nostre nonne dicevano che se i soffioni si disperdono  verso l'alto , ci sarà tempo bello.
Al contrario , se volano verso il suolo , ci sarà brutto tempo.
In realtà i soffioni vengono usati per avere una risposta alle pene d'amore oppure per qualsiasi altro desiderio.
Questo oracolo primaverile rivela che se i pappi volano via tutti insieme con un soffio solo , il sentimento è corrisposto oppure il desiderio si avvera  .
Si narra che i pappi del dente di leone siano l’oracolo più adatto per calcolare “quanto tempo ci vorrà” affinché un evento si verifichi con un procedimento molto semplice, secondo tale tradizione basta trovare un soffione dallo stelo lungo, formulare una domanda e stabilire un tempo (giorni, settimane, mesi o anni) e soffiare sul piccolo batuffolino bianco ripetendo la domanda ad ogni soffio fin quando tutti i piccoli ombrellini non saranno volati via, a quel punto basterà ricordare quanti soffi sono stati fatti per avere la risposta.

Provate ....






L'ORACOLO DELLA NONNA


Il Mago dice che:


Una particolare forma di divinazione che è andata persa con il passare dei secoli ,è il rito dell'uovo , si fa quando si hanno dubbi su una situazione sentimentale , di lavoro salute ecc. 
Si praticava nelle campagne , prendendo un uovo appena deposto possibilmente da una gallina bianca .
La notte della vigilia del giorno 21 di ogni mese , si deve rompere l'uovo in una grossa tazza piena di acqua che deve essere espesta sul davanzale della finestra fino al mattino seguente.
L'albume , dopo qualche ora , prende una forma   specifica, cche viene considerata di buono o cattivo augurio .
Sono considerate di buon presagio le forme di uccelli, case, alberi . Invece sono considerate di cattivo augurio le forme di coltelli, catene, spine e grobigli in genere .











giovedì 2 aprile 2015

IL FAZZOLETTO


Il Mago dice che:


Fin dalle epoche più lontane , il fazzoletto è stato al centro dell’attenzione d’uomini e donne, sia nelle culture orientali, dove trova la sua origine, che in quelle occidentali.
Presso i Persiani, era riservato ai dignitari di grado elevato quale indice di sovranità; in Grecia era indicato con il termine "faxiolion"; presso gli Egiziani, la bella Cleopatra inviava all’amato Antonio fazzoletti intrisi di lacrime.
Durante il Medioevo, la Chiesa trasforma i fazzoletti romani in manipoli e purificatoi, per i riti della Santa Messa.
Durante il 15° secolo, i corredi annoverano decine di fazzoletti: sessantadue in quello di Lucrezia de’ Medici quando andò in sposa a Bernardo Rucellai, ben centodiciannove in quello di Anna Maria Sforza.
Le buone maniere consigliano di piegarlo in due per esibirlo fra le dita o tenerlo nel palmo della mano, affinché sbuffi il centro e siano in vista i lati ornati di frange e ricami in seta rossa o nera.
A Venezia,  nel 1540, il fazzoletto si mette in tasca, è sempre grande.
Soggetto alle leggi suntuarie, mai osservate, il fazzoletto si arricchisce di costosissimi pizzi a punto in aria e a fuselli.
Nel XVII secolo si diffonde l’uso di cifrarli, tanto erano preziosi, per poterli ritrovare in caso di smarrimento.
Nel corso del Settecento, il fazzoletto andrà a nascondersi nei manicotti, nelle tasche, nelle ampie scollature, uscirà, quale sottile arma di seduzione, solo per asciugare le lacrime di qualche svenevole dama.
Gli elenchi dotali ne riportano ancora in numero elevato e tutti adorni di ricami e merletti preziosi: piccoli quelli da nascondere nell’abito, grandi fino a 70 cm quelli da giorno e da notte.
I ricami occupano quasi tutto l’intera superficie del fazzoletto e illustrano paesaggi fantastici, scene di vita campestre, architetture, cineserie. L’abitudine di fiutare il tabacco, anche da parte delle damine incipriate, comporta la diffusione di grandi fazzoletti dai toni scuri. Lo sviluppo delle piantagioni di cotone americane, verso la fine del settecento, portarono alla diffusione di questo genere di fazzoletto.
Fu Luigi XVI, sollecitato dalla moglie Marie Antoniette, a stabilire la forma quadrata, quale unica adatta all’eleganza e alla praticità.
La rivoluzione Francese cancellerà tutte le raffinatezze "ancien regime" ed il fazzoletto dovrà attendere alcuni decenni prima di tornare alla moda.
Nel corso dell’Ottocento, il fazzoletto diverrà imprescindibile da ogni toilette femminile; diverrà simbolo di signorilità e pegno d’amore, rivelatore di capricci, raccoglitore di lacrime, detentore di segreti. Stando ai pettegolezzi dell’epoca, fu Giuseppina Beauharnais, futura imperatrice di Francia, a rilanciare il fazzoletto: lo usa in modo civettuolo per nascondere i denti malsani.
Il fazzoletto Impero misura 55 centimetri per lato e può essere rifinito a picot da un’alta bordura di Valenciennes o Malines o pizzo d’Inghilterra.
Con la Restaurazione il fazzoletto di fine batista propose scene ricamate relegate negli angoli, personalizzato da stemma e cifre.
Già nel 1822, l’uomo porta un fazzoletto bianco ripiegato nella tasca del frac che servirà ad asciugare perle di sudore, ad offrirlo alla signora commossa, a pulire le lenti degli occhiali.
Per le signore, già nel 1835 il “Corriere delle dame” riporta le novità che suggeriscono fazzoletti ricamati a “trapunto”, alquanto ricchi fino a non rivelarne il fondo, ormai il fazzoletto è tornato ad essere sinonimo di eleganza tanto da essere ricordato puntualmente dai giornali di moda che ne rivelano le diversità di stagione in stagione. Sono fazzoletti tanto costosi per la grande profusione di ricami floreali che propongono elaborate lavorazioni quasi da capogiri.
Negli  anni Trenta, gli angoli iniziano ad essere stondati, una moda questa che resterà fino agli anni sessanta dell’Ottocento. Il fazzoletto è prescritto per ogni abito da indossare durante il corso della giornata. Piccoli e rigorosamente bianchi, ricchi di ricami e merletti quelli matrimoniali: cupidi sfreccianti, fedi intrecciate offerte da immacolate colombe. Sempre di fine battista, con salici piangenti, rose, viole del pensiero, campanule, gigli, cornucopie, blasoni coronati, cifre e monogrammi sono quelli esibiti nelle cerimonie, durante le visite, per le passeggiate, per il teatro, pranzi e balli, tenuti in mano con civetteria dalle dame.
Curiosità: si offrono all’innamorato i fazzoletti ricamati con i capelli dell’amata!
Dal 1870 in poi, quest’accessorio come strumento di seduzione deve lottare con il ventaglio, i guanti, gli occhiali, il bouquet, l’ombrellino, le borsette dove ben presto sarà nascosto.
Pur restando la distinzione fra quelli da giorno e quelli da gala, il fazzoletto semplifica la sua ornamentazione, non viene dimenticato, infatti, tutti i giornali di moda e quelli dei lavori femminili li riportano con una certa frequenza fino allo scoppio della prima guerra mondiale.


SUPERSTIZIONI 
RIGUARDO AI FAZZOLETTI



  • Se si regala un fazzoletto al fidanzato o alla fidanzata , ci so lascerà e non ci si sposerà mai.
  • Fare il nodo al fazzoletto si ritiene che impedisca al diavolo di ingannarvi o di farvi dimenticare qualcosa.
  • Nel folclore americano , le ragazze appendono fazzoletti ai cespugli la vigilia di Calendimaggio. All'alba , quando vanno a riprenderli, credono che troveranno le iniziali dell'uomo che sposeranno, lasciate dalla rugiada sul fazzoletto .