venerdì 2 settembre 2016

L' AFFASCINO


Il Mago dice che:



Il malocchio è il vettore principale dell’ affascino, o meglio, uno stato di malessere transitorio, che un soggetto “Affascinato” vive per un certo periodo di tempo, in virtù della carica di energia negativa che gli viene scaricata attraverso  lo sguardo da parte di un altro soggetto “Jettatore”.

Questa influenza magnetica negativa si può trasmettere con le parole o con lo sguardo .

I sintomi più frequenti sono, sonnolenza, stanchezza, mal di testa, sconcerto, nausea e dolori di stomaco, sembra che niente vada per il verso giusto, cose che si stanno per realizzare svaniscono all’improvviso e si dissolvono occasioni una dietro l’altra , appuntamenti che saltano per banalità , ritardi inspiegabili, smarrimento di lettere, di assegni, di vaglia di pagamenti.
Per porvi rimedio ci si rivolge a chi sa "carmare l’affascino".
Il "carmo", per essere efficace si deve imparare la notte di Natale.
Il "carmatore" sa dire anche se ad "affascinare" è stato un uomo o una donna a secondo se inizia a sbadigliare in un punto o in un altro del "carmo", se "l’affascino" è pesante il "carmatore" inizia a lacrimare.
Se l’"affascinato" non può andare dal "carmatore", come ad esempio un bambino piccolo, basta portare un suo indumento .