venerdì 23 giugno 2017

LA KUNDALINI


Il Mago dice che:



 Kundalini letteralmente significa “ricciolo di una ciocca di capelli dell’amata”.
E’ un modo poetico per descrivere il flusso di energia e consapevolezza che esiste in ognuno di noi.
Il simbolo chiamato “caduceo” rappresenta il flusso dell’energia  Kundalini. Mostra due serpenti attorcigliati attorno a un bastone. Nella mitologia i serpenti sono spesso associati alla saggezza. Il percorso che l’energia Kundalini fa, andando su e giù per la spina dorsale, è serpentino.
Il caduceo rappresenta l’energia Kundalini che si alza attraverso due canali (nadi) conduttori: Ida e Pingala. Ognuno di questi fa un movimento a spirale dalla base della spina, intersecandosi attraverso la colonna centrale (shushmana), la nadi principale che connette tutti i sette chakra, vortici di energia eterica, denominati anche come centri di consapevolezza.
La nadi che termina alla narice sinistra e controlla l’emisfero destro del cervello, è energia lunare, femminile, calmante, rinfrescante.
La nadi Pingala che termina alla narice destra e controlla l’emisfero sinistro del cervello è solare, maschile, stimolante e calda.
E’ attraverso il respiro (narice sinistra e destra - Ida e Pingala) che riceviamo ilprana, l’energia che ci consente di vivere, ed è il delicato filo che ci unisce all’Uno che ha creato ogni cosa.
In aggiunta all’energia che già fluisce naturalmente in noi, c’è una vasta area di Kundalini dormiente immagazzinata alla base della spina.
Attraverso la pratica del Kundalini yoga (tecniche di respiro, esercizi fisici, meditazione), liberiamo questa energia non utilizzata e le permettiamo di innalzarsi su, fino alla sommità del cranio, attivando la ghiandola pineale.
Quando questa energia da lì ritorna giù attraverso due canali, Ida e Pingala, allora i sette centri di energia (chakra) localizzati lungo la colonna centrale (shusmana) vengono attivati e bilanciati.
Quando questa energia dormiente non viene innalzata (può rimanere così anche per tutta la vita di una persona) è come possedere un auto da corsa e usare solo la prima marcia.
Quindi che cos’è allora la Kundalini? Possiamo considerarlo come il potenziale creativo di un essere umano. E’ quando l’energia del sistema ghiandolare si combina col sistema nervoso in modo che la totalità del cervello possa capire i segnali e interpretarli, così che gli effetti di una causa possano diventare veramente chiari. In altre parole si diventa totalmente consapevoli, ecco perché il Kundalini Yoga è chiamato anche Yoga della consapevolezza.


COME SI MANIFESTA L'APERTURA DELLA KUNDALINI

  •  Attivazione del DNA.
  • Apertura dei poteri di Chiaroveggenza e Chiaroudienza.
  • Sentirsi collegati al Tutto Cosmico.
  • La mente si sente espansa e ricettiva di maggior coscienza e conoscenza.
  • Lasciar da parte il proprio ego e connettersi con più alte frequenze di pensiero e consapevolezza.
  • Provare amore incondizionato, pace, e unione con lo spirito.