domenica 15 giugno 2014

L'ACQUA LUSTRALE


Il Mago dice che:



L'intimo rapporto che tra l'acqua e tutte quelle arti magico-divinatorie è stato riconosciuto, ma meno noto è il fatto che per tutti questi rituali ne venga usato un tipo particolare, l'acqua lustrale , il nome , che deriva dal latino "lustru" , (purificazione) , ne indica l'assoluta purezza ; in campo esoterico l'acqua più pura è quella della rugiada .
Secondo le antiche pratiche , ancora oggi in vigore , per raccogliere l'acqua lustrale bisogna munirsi di una bottiglia da 1 lt. , uno spago, un imbuto di vetro e del cotone , tutti rigorosamente nuovi.
Ci si deve recare all'alba in un prato con l'erba molto alta , e legato un batufolo di cotone allo spago , si comincia a camminare nell'erba , il batufolo assorbe la rugiada che sarà raccoltanella bottiglia  con l'imbuto .
Rientrati a casa l'acqua deve essere filtrata con un foglio di carta sottile e si purifica immergendovi un tizzone ardente di carbone o di legno.