domenica 16 luglio 2017

IL CHUPACABRA


Il Mago dice che:


Il mito del " succhia-capre" è abbastanza recente e diffuso soprattutto tra le comunità contadine del centro america .
Nasce nel 1990  a Porto Rico , in seguito al ritrovamento dei resti di un gregge di 8 capre di cui ogni esemplare era stato prosciugato del proprio sangue e recava sul collo tre fori..
Episodi simili sono stati descritti in Messico e nel sud degli USA , ma l'animale , descritto come un canide con una fila di aculei sul dorso, secondo gli studiosi non esiste.

























  

sabato 15 luglio 2017

IL MOSTRO DI LOCH NESS


Il Mago dice che:


"Nessie" vivrebbe nel celebre lago scozzese , da molti decenni meta turistica di visitatori speranzosi di avvistarlo.
L'immagine più famosa che lo ritrae, risale al 1936 , risulta essere falsa cosi come alcune a lei simili, ma su altre i dubbi rimangono .
Una sagoma misteriosa è stata immortalata nel lago persino da Google Hearth.
Se Nessie esistesse potrebbe essere un rettile marino di era mesozoica , ma le ricerche fino ad ora , si sono rivelate un buco nell'acqua .























  

martedì 11 luglio 2017

LO YETI


Il Mago dice che:


Lo Yeti ( dal tibetano "Yeh-teh"ovvero " quella cosa là") è uno scimmione antropomorfo che abiterebbe le pendici dell'Himalaya , avvistato anche in altre zone dell'Asia ( Nepal , Tobet, Cina )  e del nord America ( dove è chiamato " Bigfoot").
Secondo la mitologia tibetana la gente del luogo adorava gia nel XV secolo un analogo "essere dei ghiacci " .
Gli scienziati hanno analizzato il DNA di peli forse appartenute allo Yeti , identificandolo come una sottospecie di orso.

















  

venerdì 30 giugno 2017

LA FIABA PIU' ANTICA


Il Mago dice che:


Il "FABBRO E IL DIAVOLO "  pare   che sia la fiaba più antica , che risale a 6.000 anni fa circa .
Il "diavolo" che da il titolo al racconto fu introdotto evidentemente all'avvento del cristianesimo e oggi la fiaba è narrata in diverse parti del mondo con alcune varianti.
In origine fu trasmessa per via orale nella lingua, oggi estinta, antenata di tuitte le lingue indoeuropee.
Lo hanno stabilito 2 antropologi dell'università di Lisbona e di Durham ( Inghilterra) , analizzando un catalogo di 2.000 fiabe di tutto il mondo . 
Lo studio mostra che le fiabe vanno oltre la tradizione culturale nazionale : molte sono nate molti milleni prima dei confini degli stati odierni.



 IL FABBRO E IL DIAVOLO 
(fiaba cilena)




C'era una volta un fabbro che amava molto il suo lavoro. 
Abitava presso un ruscello canterino, al margine di un crocevia di strade, queste verso il monte e quelle verso la valle.
Venne l'epoca delle visite pastorali e Gesù Redentore transitò davanti alla sua fucina, vide la forgia con la fiamma scintillante, le lime, le mazze e le tenaglie messe in ordine; gli piacque ascoltare quel martellare ritmico sull'incudine, gli piacque vedere la mano sapiente dare forma alle punte dei vomeri, alle curve dei ferri da cavallo, alle spirali e alle losanghe destinate a ornare le inferriate. 
Lo incaricò, dunque, di rimettere i ferri ai dodici asinelli che portava con sé. 
Risultò un bel lavoro, senza dubbio.
Quanto devo pagarti? chiese Gesù al fabbro. 
E quello, vedendolo povero per le poche cose che portava e pieno di polvere e stanchezza per il lungo viaggio compiuto: Niente. Ma ci mancherebbe altro! 
Ti auguro di proseguire bene il tuo viaggio.
Ma Gesù in realtà poteva tutto, e continuò: Domandami qualunque cosa di cui tu abbia bisogno e sarai esaudito!
Non ho bisogno di granché. 
Quello che desidero, ce l'ho già, o posso anche andare a comprarmelo.
Gesù gli regalò allora una sedia: una sedia davvero strana, sulla quale chi si sedeva era obbligato a restare seduto, se non gli fosse stato detto: Alzati e cammina! 
E gli regalò pure un sacco con un foro, da cui chi fosse entrato non poteva più uscire, a meno che non gli si fosse ordinato di farlo.
Il fabbro si mostrò molto riconoscente, e Gesù Redentore se ne andò.
Trascorsero anni e anni. Un giorno un viandante, mai visto prima, entrò dal fabbro e gli disse:
Il tempo della tua vita è scaduto. Sono venuto a prenderti, ora verrai con me".
Il fabbro capì che non era un altro Gesù, ma il diavolo travestito da uomo: Lascia che mi prepari, compare gli rispose. Intanto, siediti qui!
E lo fece sedere sulla sedia portentosa, quella regalatagli da Gesù.
Prese poi un grosso bastone, e giù botte e altre botte; il viandante si riempì di lividi, e quasi morì
Poi il fabbro gli ordinò: Alzati e cammina, va' più lontano che puoi. E il diavolo fuggì via a gambe! levate. Passarono molti anni ancora. 
Il diavolo tornò per portare via il fabbro. Venne e disse all'uomo: 
Guardami bene! Io sono il diavolo e posso attraversare la cruna di un ago! 
Astuto, il fabbro gli rispose: io sono più diavolo di te. Vuoi scommettere che non riesci a uscire dall'imboccatura di un sacco?
E dicendo questo, aprì il sacco, e il diavolo vi entrò. Uscire no, non poteva. 
E il fabbro riprese il bastone, e giù botte! 
Quante ossa gli ruppe! 
Poi prese un chiodo, e quanti punzecchioni gli diede! 
Questa volta lo ridusse peggio di quella precedente e, a dire poco, lo lasciò più morto che vivo.
E così lo tenne, finché non lo fece uscire.
Io ero là, ho visto tutto e ho riso a crepapelle insieme con il fabbro.























  

venerdì 23 giugno 2017

LA KUNDALINI


Il Mago dice che:



 Kundalini letteralmente significa “ricciolo di una ciocca di capelli dell’amata”.
E’ un modo poetico per descrivere il flusso di energia e consapevolezza che esiste in ognuno di noi.
Il simbolo chiamato “caduceo” rappresenta il flusso dell’energia  Kundalini. Mostra due serpenti attorcigliati attorno a un bastone. Nella mitologia i serpenti sono spesso associati alla saggezza. Il percorso che l’energia Kundalini fa, andando su e giù per la spina dorsale, è serpentino.
Il caduceo rappresenta l’energia Kundalini che si alza attraverso due canali (nadi) conduttori: Ida e Pingala. Ognuno di questi fa un movimento a spirale dalla base della spina, intersecandosi attraverso la colonna centrale (shushmana), la nadi principale che connette tutti i sette chakra, vortici di energia eterica, denominati anche come centri di consapevolezza.
La nadi che termina alla narice sinistra e controlla l’emisfero destro del cervello, è energia lunare, femminile, calmante, rinfrescante.
La nadi Pingala che termina alla narice destra e controlla l’emisfero sinistro del cervello è solare, maschile, stimolante e calda.
E’ attraverso il respiro (narice sinistra e destra - Ida e Pingala) che riceviamo ilprana, l’energia che ci consente di vivere, ed è il delicato filo che ci unisce all’Uno che ha creato ogni cosa.
In aggiunta all’energia che già fluisce naturalmente in noi, c’è una vasta area di Kundalini dormiente immagazzinata alla base della spina.
Attraverso la pratica del Kundalini yoga (tecniche di respiro, esercizi fisici, meditazione), liberiamo questa energia non utilizzata e le permettiamo di innalzarsi su, fino alla sommità del cranio, attivando la ghiandola pineale.
Quando questa energia da lì ritorna giù attraverso due canali, Ida e Pingala, allora i sette centri di energia (chakra) localizzati lungo la colonna centrale (shusmana) vengono attivati e bilanciati.
Quando questa energia dormiente non viene innalzata (può rimanere così anche per tutta la vita di una persona) è come possedere un auto da corsa e usare solo la prima marcia.
Quindi che cos’è allora la Kundalini? Possiamo considerarlo come il potenziale creativo di un essere umano. E’ quando l’energia del sistema ghiandolare si combina col sistema nervoso in modo che la totalità del cervello possa capire i segnali e interpretarli, così che gli effetti di una causa possano diventare veramente chiari. In altre parole si diventa totalmente consapevoli, ecco perché il Kundalini Yoga è chiamato anche Yoga della consapevolezza.


COME SI MANIFESTA L'APERTURA DELLA KUNDALINI

  •  Attivazione del DNA.
  • Apertura dei poteri di Chiaroveggenza e Chiaroudienza.
  • Sentirsi collegati al Tutto Cosmico.
  • La mente si sente espansa e ricettiva di maggior coscienza e conoscenza.
  • Lasciar da parte il proprio ego e connettersi con più alte frequenze di pensiero e consapevolezza.
  • Provare amore incondizionato, pace, e unione con lo spirito.




                                              






  

martedì 20 giugno 2017

GLI ARTISTI DELLA FAME


Il Mago dice che:


Erano i " digiunatori professionisti" o chiamati anche " scheletri viventi"che, alla fine del XIX secolo spopolarono nelle fiere e nei parchi divertimento di tutta europa .
Grazie alla loro capacità di restare denutriti per lunghi periodi ( dai 14 ai 40 giorni di media) , esibivano il loro estremo dimagrimento.
Gli spettatori potevano osservarli dietro una ringhiera scommettendo sulla durata della "performance".
Terminata l'esibizione , gli "artisti" venivano visitati dai medici e scortati tra la folla verso un abbondante pasto.






























  

domenica 11 giugno 2017

LE CENE SEGRETE


Il Mago dice che:


Si tratta di eventi , organizzati da associazioni o da privati iscritti in apposite piattaforme, in cui l'ingrediente principale è il mistero .
I commensali , che non si conoscono tra loro , si riuniscono in un luogo ignoto fino a poco prima cenando insieme sulla base di un menù sconosciuto.
Una volta effettuata la prenotazione , si ricevono una serie di indizi in modo graduale , come l'orario e alcune anticipazione sulle pietanze , mentre l'indirizzo preciso viene comunicato solo qualche ora prima .
L'organizzatore , che spesso è il cuoco e il padrone di casa , partecipa personalmente alla cena animando la serata .
Diffure anche in Italia da qualche anno , le cene segrete sono nate negli USA e in Gran Bretagna sull'esperienza dei " supper club" ina specie di mix tra ristoranti amatoriali e party privati diventati all'estero un vero fenomeno sociale.
Il loro scopo è quello di fare nuove conoscenze alle persone , risparmiando spesso sul prezzo rispetto ai ristoranti.






























  

mercoledì 7 giugno 2017

IL TONG ZI DAN


Il Mago dice che:


E' il piatto tipico della festa di primavera a Dongyang, in Cina , e il suo nome significa " uova del ragazzo vergine ".
Si tratta infatti di uova sode bollite nell'urina di bambini in età prepuberale, sotto i 10 anni.
L'urina è raccolta nei bagni delle scuole o in secchi appositi a disposizione dei ragazzini , e la cottura richiede un giorno intero .
Le uova cucinate in questo modo vengono vendute ad un prezzo doppio rispetto alle uova cotte in modo normale.
Secondo la tradizione , hanno effetti benefici sulla salute in quanto abbasserebbero il calore del corpo , favorendo una migliore circolazione sanguigna .
Nel 2008 Dongyang ha attribuito al tong zi dan il riconoscimento di patrimonio culturale immateriale locale.
































  

martedì 6 giugno 2017

LA LEGGENDA DEI COMUNISTI CHE MANGIANO I BAMBINI


Il Mago dice che:


L'accusa di cannibalismo è sempre stata usata per screditare gli avversari .
Così in tempi di guerra fredda si diffuse la diceria secondo la quale  " i comunisti mangiano i bambini " .
Nasceva probabilmente dal fatto che in Russia , nel secolo scorso , vi furono gravi carestie durante le quali si registrarono anche episodi di cannibalismo.
Tra il 1921 e il 1923 in Ucraina alcuni bambini vennero rapiti e uccisi , spacciandone poi la carne per animale .
E nel 1941 , durante l'assedio di Leningrado , il cannibalismo diventò per  alcuni una strategia di sopravvivenza. 
Ancora più famosa è la storia dell' "isola dei cannibali" ,narrata anche dall'omonimo libro di Nicolas Wert : nel 1933 , 13.000 " elementi pericolosi " vennero deportati nel cuore della Siberia ; quasi tutti morirono anche uccidendosi tra loro , e gli episodi di cannibalismo erano all'ordine del giorno.






























  

domenica 28 maggio 2017

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE


Il Mago dice che:

La riflessologia plantare è una tecnica manuale molto efficace e molto antica che negli ultimi anni si sta diffondendo molto velocemente , facendosi apprezzare per i suoi effetti sull'organismo.
Con la riflessologia plantare, della mano o facciale è possibile alleviare il mal di testa e il mal di schiena, ridurre lo stress, sciogliere la tensione alle spalle, persino mitigare i sintomi del raffreddore e altro..
Il trattamento viene effettuato in centri specializzati da personale qualificato e dura 45 minuti .





L'operatore lavora  sui piedi stimolando tutti gli organi del corpo presenti in forma riflessa sia sulle piante che sul dorso dei nostri piedi ; la maggiore efficacia si riscontra soprattutto nei confronti degli organi emuntori, quelli cioè che permettono di espellere le tossinedel nostro organismo .
Vi sono alcune controindicazioni. La riflessologia plantare evita di trattare donne in gravidanza e durante il ciclo mestruale. È consigliabile effettuare il trattamento lontano dai pasti e si evita di trattare soggetti estremamente agitati o nervosi.
I benefici sono riscontrabili  sin da subito e facendo periodicamente delle sedute sarà più facile mantenere uno stato di benessere generale.



















  

mercoledì 24 maggio 2017

MAGO MERLINO


Il Mago dice che:

Il mago e chiaroveggente  Merlino è uno dei personaggi centrali del ciclo bretone e delle leggende arturiane  Fu lui l'ideatore  della tavola rotonda : grazie a un suo incantesimo, inoltre, Uther Pendragon giacque con Igraine e così fu concepito Re Artù. Fu ancora lui ad allevare Artù e condurlo fino all'ascesa al trono.
 Sua allieva (e rivale nelle versioni più recenti dei racconti arturiani) fu Morgana (Morgan Le Fay), un altro personaggiomagico importante della tradizione arturiana.

Nella letteratura in lingua gallese vi sono in effetti due diversi personaggi di nome Merlino (Myrddin): Myrddin Wyllt (Merlino il Selvaggio), un pazzo nordico che non ha alcuna relazione specifica con il ciclo di Artù, e Myrddin Emrys (Merlino il Saggio o Caledonensis). La rappresentazione standard di questa figura comparve per la prima volta nella Historia  Regum  Britanniae di Goffredo di Monmouth (1136 circa) ed è basata sulla fusione di precedenti figure storiche e leggendarie: Goffredo, infatti, combinò le storie esistenti su Myrddin Wyllt con i racconti su Ambrosio Aureliano per formare la figura che egli chiama Merlino Ambrosio. Fu proprio Goffredo a porre in relazione per la prima volta Merlin con la saga arturiana, di cui Merlino divenne in seguito uno dei personaggi più importanti.
La versione goffrediana di questa figura divenne subito popolare e gli autori successivi ampliarono poi questi elementi così da produrre un'immagine più completa del mago. La sua biografia tradizionale lo vuole figlio di un demone e di una donna mortale che alla nascita ereditò dal padre i suoi poteri. In alcune versioni delle leggende fu il consigliere di Artù fino a che fu imprigionato dall'allieva di cui era innamorato, Viviana (la Dama del Lago), mentre in altre egli se ne andò lontano per vivere felicemente con lei.







                                                     






  

martedì 9 maggio 2017

LA CAFFEOMANZIA ( come leggere i fondi di caffè)


Il Mago dice che:





La caffeomanzia è un’antica arte divinatoria, nata nei paesi del Medio Oriente e arrivata in Occidente intorno al 1600. Non ebbe da subito una grande diffusione per via della sua difficoltà di interpretazione ma venne approfondita e studiata in epoca romantica, intorno al 1800. Ci sono idee discordanti su come vada preparato il caffè destinato alla lettura. I puristi di quest’arte affermano che vada utilizzato solo l’originale caffè turco, fatto bollire in un pentolino di rame o ottone, con una tazza di acqua. La caffeomanzia è molto diffusa e praticata nel sud Italia, patria del nostro espresso; le vecchiette che la praticano assicurano risultati veritieri anche con il nostro caffè di sempre. Vi illustriamo la ricetta e il procedimento che potete seguire se volete usare il caffè turco oppure una miscela finissima di espresso.


COSA OCCORRE

  • un cucchiaio di caffè macinato finissimo
  • un cucchiaio di zucchero
  • una tazza di acqua
  • polvere di cardamomo o altra spezia a piacere ( facoltativo)
COME PROCEDERE

Miscelate insieme metà dello zucchero e metà dell’acqua e fate bollire il tutto in un pentolino; quando bollirà, versatene metà in un ibrik (il tipico recipiente usato in Turchia) oppure in un pentolino simile, possibilmente di ottone, nel quale avrete messo il caffè e le spezie ( le spezie sono facoltative ). Riportate ad ebollizione e, a questo punto, aggiungete l’acqua e lo zucchero rimanenti. Lasciate riposare per qualche minuto e riportate nuovamente ad ebollizione. Versate il caffè nella tazza e lasciate depositare la polvere sul fondo.

Quando il caffè è pronto per essere bevuto: non vi resta che concentrarvi sul suo aroma, sul suo sapore e sulla domanda che volete porre. La parte liquida va bevuta completamente; fatto  tutto ciò, coprite la tazza con il piattino, capovolgetela sul tavolo facendola ruotare per tre volte con la mano sinistra, in senso orario. Aspettate un paio di minuti, dopo di che girate di nuovo la tazzina e aspettate un minuto per lasciare asciugare il fondo. Passato questo brevissimo lasso di tempo, appariranno delle figure sul bordo della tazzina, sul suo fondo e, a volte, anche sul piattino.

SIGNIFICATO DELLE FIGURE 

  • Aereo: viaggio o nuove prospettive
  • Albero: indipendenza
  • Ali: superare le difficoltà
  • Anatra: soddisfazione e fortuna
  • Ancora: sicurezza
  • Anello: matrimonio o legame stabile
  • Ape: messaggio in arrivo
  • Aquila: successo nel lavoro
  • Aquilone: idee campate in aria
  • Arcobaleno: felicità dopo un dolore
  • Ascia: un nuovo inizio
  • Bandiera: amici che hanno bisogno di aiuto
  • Bilancia: situazione da valutare con prudenza
  • Bocca: chiacchiere o malintesi
  • Brocca: ispirazione e pensiero creativo
  • Calderone: successo
  • Campana: gioia, matrimonio se associata a un anello
  • Cancello: ostacolo facilmente superato
  • Cane: amico fedele
  • Canoa: bisogna assumersi la responsabilità delle proprie azioni
  • Cappello: visita gradita
  • Casa: trasloco o preoccupazioni economiche
  • Chiave: occasione di miglioramento
  • Clessidra: lavoro da portare a termine
  • Corona: grande successo
  • Cuore: un nuovo amore, riavvicinamento
  • Coltello: critiche alle spalle
  • Elefante: ricordi felici
  • Farfalla: felicità transitoria
  • Faro: aiuto inaspettato
  • Ferro di cavallo: buona fortuna
  • Finestra: soluzione insperata
  • Fiori: ringraziamenti
  • Foglie: lodi o ricompense
  • Forbici: no all’indecisione
  • Freccia: critiche pungenti
  • Gatto: distacco
  • Gabbia: sensazione di soffocamento
  • Ghiande: nuovi inizi fruttuosi
  • Libro: informatevi prima di agire
  • Lucchetto: via di uscita
  • Lumaca: perseveranza
  • Luna: date ascolto all’intuizione
  • Mano: aiuto a chi è in difficoltà
  • Martello: bisogna lavorare molto
  • Mela: un nuovo progetto o un figlio in arrivo
  • Montagna: ambizione irrealizzabile
  • Mucca: pazienza
  • Muro: ostacoli
  • Nave: viaggio
  • Neonato: un nuovo inizio
  • Nuvole: confusione
  • Occhio: attenzione
  • Osso: dimenticare le ingiustizie subite
  • Palma: vacanza
  • Pesce: intuizione
  • Pipa: riflessione
  • Pipistrello: paure nascoste
  • Piramide: sapienza
  • Piuma: felicità
  • Ponte: riconciliazione
  • Porta: avanzamento
  • Quadrifoglio: fortuna
  • Ramo: nuova amicizia
  • Rosa: amore
  • Ruota: cambiamenti
  • Scala: promozioni
  • Scopa: ricominciare da capo
  • Serpente: sospetti e tentazioni
  • Sirena: persona gentile e amica
  • Sole: felicità
  • Stella: realizzazione dei sogni
  • Tavolo: riunione familiare
  • Torre: isolamento
  • Treno: nuove prospettive
  • Uccello: buone notizie in arrivo
  • Uovo: successo o nascita
  • Ventaglio: flirt e vanità
  • Vulcano: cambiamenti tempestosi

Ricordate che le figure sul bordo rappresentano il presente, mentre più si scende all’interno della tazzina, più leggiamo un futuro lontano. Anche i simboli comparsi sul piattino sono riferiti, generalmente, al futuro.