domenica 6 ottobre 2013

LE VOGLIE


Il Mago dice che:


Le "voglie" sono macchie cutanee , sia semplici macchie pigmentate , sia a volte ricoperte di peli . In certe stagioni esse ravvivano i loro colori .
La tradizione popolare dice che esse derivano dai desideri insoddisfatti della madre durante il periodo della gravidanza e si formano nello stesso punto in cui la madre si è toccata , così è necessario che una donna incinta eviti di grattarsi in certi punti, poichè se le venisse un desiderio ,nel momento in cui compie quest'azione , la cosa desierata intensamente verrebbe riprodotta sul corpo del bimbo nello stesso punto.
Per qualcuno è il segno del Diavolo, per altri il segno di Dio . I primitivi pensavano che le voglie comparissero perche la madre del nascituro , avesse avuto qualche esperienza spiacevole o era stata toccata da qualche spirito durante la gravidanza .
Una superstizione degli stati uniti , dice che un bimbo nato con una voglia a forma di corona sulla testa , farà molti viaggi durante la vita.
Siccome  che le voglie erano spesso considerate di buon auspicio , la tradizione consigliava di gettare pepe nero sulla madre in gravidanza , per fare in modo che il bambino nascesse cn le voglie.
La scienza non accette questa credenza popolare ma dice che In verità la presenza di queste macchie scure sulla pelle non c’entrano niente con il mancato soddisfacimento delle voglie, perché sono il risultato di una concentrazione di melanina se sono scure e della dilatazione di capillari sottocutanei nel caso in cui siano rosse o rosate; inoltre, un altro mito da sfatare è che queste macchie siano in qualche modo dannose per il bambino: sono semplicemente delle piccole alterazioni del tutto benigne!

A prescindere dalle credenze popolari, le voglie in gravidanza sono legate  momento che sta vivendo l’organismo della donna e ai cambiamenti ormonali che comportano delle alterazioni nel gusto e nell’olfatto della gestante, che spesso si trova ad avere il desiderio un particolare cibo e ad odiare  un odore fino a poco tempo  primamolto  amato .

Con L'avanzare  della gravidanza aumenta anche l’appetito e il bisogno di più calorie del solito, che spesso si concretizza nel desiderare cioccolato e dolci. Nei limiti della prescrizione di una particolare dieta da parte del ginecologo, si possono soddisfare le voglie della futura mamma, anche se risultassero un po’ elaborate o difficili da reperire, consapevoli  del fatto che questa “voglia” è legata ai cambiamenti che essa sta vivendo.
Ma la scienza ha recuperato dalle tradizioni popolari il nome latino delle voglie che è " Naevi Materni" (  vedi anche il post sui nei su questo stesso sito)